vomitoletterario
creativecommons

<< clicca qui per scoprire quali sono gli usi consentiti

Vomito Letterario by homo vivo giuseppe rago is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.

 

Permissions on the contents of this site are obtainable contacting directly the site owner at " info@vomitoletterario.it "

Pagine

social:

th
exit.news.jpeg

www.vomitoletterario.it © All Right Reserved 2005-2022

 

Cookie Policy | Privacy Policy

 


Sito web realizzato da homo vivo giuseppe rago: +39 366 539 9177 - PEC: giusepperago@casellapec.com - Email: beppe212@tutanota.com

i
creativecommons

Se trai del valore da questa mia opera, considera di effettuare una piccola donazione per un "artista di strada digitale"

Vendetta

2021-08-11 11:02

homo vivo giuseppe rago

poesia, Dolore, ribellione, Vendetta, Ora Basta!, basta!, accuse,

Vendetta

Punge dentro l'amarezzadi venire giudicato senza posa,da chi si fa portatrice di dolcezza

Punge dentro l'amarezza

di venire giudicato senza posa,

da chi si fa portatrice di dolcezza

e l'accusa, col presente, mal si sposa. 

 

Rinasce dalle ceneri l'amor proprio sopito,

e rispedisce, in modo brusco, al mittente

il superamento del limite consentito,

e le idee altrui di me, create dalla mente. 

 

Sono lo specchio delle paure del prossimo,

sì che fugga via, terrorizzato a morte,

oscurando l'amore eterno e lucentissimo

con orgoglio, a chiuder tutte le porte. 

 

Chi di lingua ferisce, di lingua perisce,

causa ed effetto è legge universale,

e la forza dell'amore impallidisce

di fronte a un'accusa inessenziale. 

 

O catena di vendette che spezzi

legami di dolcezze e di attenzioni,

porti a galla l'oscurità cui siamo avvezzi

sì che la luce dell'amore ci abbandoni. 

 

Perfetti non siamo, non son nemmeno io,

ma giudicarci senza comprensione

ci separa, allontanandoci da Dio,

invece che creare una coesione. 

 

Se ho sbagliato, Cielo, dammi un segno

ancora non so se fosse sol destino,

le mie attenzioni ho dato come pegno

per sentirmi trattare da cretino. 

 

Non che sia perfetto, lo ripeto,

so che spesso esagero, e lo ammetto,

ma agisco con l'animo quieto,

spinto dalla forza dell'affetto. 

 

Lungi dal trasformare gli altri in ossessione,

regalo attenzioni, spesso soffocanti,

e sentire dir di questo me, con deprecazione,

accende fiamme e fuochi scalpitanti. 

 

No, non faccio mai persecuzione

nei confronti di nessun essere vivente,

e mi spiace che affetto e forte connessione

vengano travisati sì aspramente. 

 

E questo lo rifiuto, sì che la mia mano

vada tòsto all'elsa, e l'onta urla vendetta

per riequilibrare l'ingiusto sullo stesso piano,

perchè nei panni miei l'altro si metta. 

 

Si pensi ciò che piace e non quello che dico,

chè le fluide parole, il vento se le porta,

sono certo che il fato, negli eventi, mi sia amico,

e unisca e divida i destini, secondo esigenza e mi conforta. 

 

vendetta-1628672470.jpg
Donazioni
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder